Richiedi Info/Prenota l'evento

Il tuo nome

La tua email

Il tuo telefono

Il tuo messaggio

Privacy Policy
Autorizzo al trattamento dei dati personali.
Si


Per la seconda edizione della Rassegna “Accenti. Itinerari in musica”:


Venerdì 15 marzo

Hobby Horse (Usa/It)

Dan Kinzelman  sax tenore, clarinetti, voce

Joe Rehmer basso, voce

Stefano Tamborrino batteria, voce


Hobby Horse è un trio collettivo fra i principali esponenti della nuova scena creativa e sperimentale del jazz in Italia.

Nasce nel 2010, guadagnandosi subito notorietà per una tendenza ad oltrepassare i confini del jazz, attingendo liberamente ad altri generi fino a creare un proprio linguaggio originalissimo e difficilmente classificabile. Nei loro sei anni di attività hanno prodotto 5 dischi, accolti con entusiasmo sia dalla critica che da un pubblico sempre più vasto e variegato. Helm è il nuovo album uscito il 26 gennaio 2018 per Auand Records in cd (distribuzione Goodfellas) e Rous Records in vinile.  

Hanno fatto piu’ di 200 concerti passando per i festival e locali piu’ importanti di Europa e gli USA, e oggi le loro tournée li portano sia nei grandi festival jazz che in locali rock underground e discoteche. La music di Hobby Horse è un imprevedibile mix di stili e generi, incontro a tratti violento fra linguaggi musicali, passando dalla slam poetry al hip hop, bossa nova, psichedelia, prog rock, techno e musica da camera. Droni ipnotici e misteriosi si alternano a violenti esplosioni di energia, il tutto unito da una sottile attenzione timbrica e melodica, da un senso di scoperta costante e da una tensione musicale palpabile. Nonostante gli enormi rischi presi durante le performance, i concerti trovano sempre una forma musicale con una sua incontrovertibile logica, frutto della fiducia reciproca e della lunga esperienza condivisa. Forse sta proprio in questa ricerca della libertà e l’esplorazione degli incontri impossibili la sorprendente coerenza musicale degli Hobby Horse.

Helm è un riassunto concentrato delle ardite esplorazioni sonore,  tra improvvisazione, elettronica e rock, che il trio porta avanti da 8 anni, segnando una nuova maturità linguistica frutto di un accumulo di esperienze condivise su palchi in tutto il mondo.  

Dan Kinzelman è nato e cresciuto negli Stati Uniti ma vive stabilmente in Europa dal 2004, trasferendosi prima in Germania per poi stabilirsi in Italia nel 2005 dove ha trovato subito lavoro come solista, arrangiatore e direttore musicale con artisti come Enrico Rava, Giovanni Guidi e Mauro Ottolini.

Negli ultimi anni si è dedicato principalmente a collaborazioni a lungo termine con musicisti coetanei, contribuendo al avviamento di una nuova fioritura progettuale in Italia e dando vita a gruppi come Simone Graziano Frontal, Francesco Ponticelli Quartet, Dan Kinzelman’s Ghost e Hobby Horse.  Nel 2016 viene chiamato da Siena Jazz come docente e inizia una collaborazione nel campo della danza contemporanea con giovane coreografo/danzatore Daniele Ninarello, prima dal vivo con lo spettacolo Kudoku e poi come compositore per STILL nel 2017.  Attualmente si trova alle prese con 3 nuove produzioni discografiche per il 2018 e una serie di tournee internazionali per la promozione di ‘Helm’.

Joe Rehmer nasce nel 1984 a Woodstock, frazione di Chicago. A 12 anni comincia a suonare la chitarra. Entra a far parte del jazz band della scuola media, passando al basso elettrico e poi al contrabbasso.  Nel 2002 si trasferisce a Miami (Florida), dove si laurea nel 2006.

Negli ultimi anni, porta avanti un’attivita’ concertistica sia in Europa che negli Stati Uniti con gruppi come Hobby Horse (Italia), Ghost Horse (Italia), Drive! (Italia), Giovanni Guidi’s Inferno (Italia), El Portal (Miami), Tensil Test (Berlino), Espada (Italia) Il Bidone di Gianluca Petrella (Italia), Enrico Zanisi Trio (Italia) e Airship Rocketship (Miami).

Joe Rehmer ha condiviso il palco/studio con artisti come Jim Black, Uri Cane, Michael Blake, Enrico Rava, Gianluca Petrella, Joe Lovano, Maria Schneider, Dave Leibman, Avishai Cohen, Stefano Battaglia, Troy Roberts, Paul Bender, Tivon Penicott…. 

Stefano Tamborrino ha cominciato a suonare nel 2000, all’età di 19 anni. Da allora ad oggi ha portato avanti il suo percorso musicale da autodidatta, cosa che ha favorito la formazione di un suo stile più personale e unicamente dettato dall’istinto. Molteplici sono le sessioni di studio con musicisti affermati e di notevole talento.

Tra i fortuiti incontri e le collaborazioni stabili possiamo annoverare i nomi di: Stefano Bollani, Hindi Zahra, Ares Tavolazzi, Chris Speed, Louis Cole, Gianluca Petrella, Area e molti altri tra cui gli Hobby Horse con i quali è giunto alla pubblicazione del sesto album, il quale a sua volta va a collocarsi in una lista di oltre 40 dischi registrati nel corso degli ultimi anni.

Dal 2017 è entrato a far parte del trio del sassofonista americano David Binney con cui ha tenuto concerti negli Stati Uniti, in Cina e in Giappone. Nel medesimo anno avvia un’intensa attività compositiva che lo porta alla formazione di quattro distinti progetti da leader.

www.hobbyhorse3.com

https://it-it.facebook.com/HobbyHorse3/


Accenti. Itinerari in musica
Food & Drink dalle h 21  Start live h 22
Ingresso 10 euro per i soci a.s.d. Oxygene (tessera annuale 3 euro)

Si prega di prenotare ai numeri 0689561754 oppure inviando una mail a info@larchivio14.it


Visita la pagina della Rassegna “Accenti. Itinerari in musica” qui